Collusione

col-lu-sió-ne

Accordo segreto con fini illeciti; intesa

dal latino colludere, composto da cum insieme e ludere giocare.

Si guarda l'etimologia di questa parola e si pensa: peccato. Avrebbe un significato proprio bellissimo, e cioè il giocare insieme. Ma questa immagine ha suggerito un'estensione semantica negativa che, se nel latino coesisteva col primo significato, in italiano è diventata completamente preponderante. La collusione è l'accordo clandestino che due parti tramano ai danni di qualcun altro. In particolare, le due parti che colludono, alla luce del sole solitamente sono nemiche: pensiamo alle collusioni fra politica e criminalità, alle collusioni fra imprese concorrenti per il controllo del mercato, all'avvocato che collude con la parte avversa. Si tratta di un giocare insieme perverso, volto al male.

Con un significato più attenuato, la collusione può anche indicare genericamente un'intesa momentanea, un'alleanza tattica contingente; ma le ombre che pesano su questa parola sono ineludibili.

Parola pubblicata il 09 Aprile 2015

Commenti