Improperio

im-pro-pè-rio

Significato Ingiuria, biasimo

Etimologia dal latino tardo improperium, da improperare rimproverare, biasimare, di etimo incerto. Forse da probrum infamia, ingiuria.

L'improperio non è qualcosa di improprio - o almeno, non intrinsecamente. Nell'uso moderno questa parola indica l'ingiuria, l'insulto.

È necessaria una nota grafica preliminare: al plurale, solitamente, si trova scritto improperî. L'accento circonflesso, in italiano, viene infatti usato per contrarre una doppia 'i', quando su nessuna delle due cade l'accento tonico. In altri termini, è molto corretto scrivere 'tu odî' (indicativo presente del verbo odiare), mentre nel caso di 'io udii' (passato remoto del verbo udire) vanno mantenute entrambe le 'i'.

Tornando alla parola 'improperio', si può coprire d'improperî il ragazzo che ci ha fatto cadere il bicchiere, l'intervento ottuso ci tira fuori di bocca una sequela di improperî, e quella che doveva essere una critica circostanziata finisce per essere un improperio.

Va detto, però, che non si tratta di un'ingiuria gratuita: l'improperio ha la stessa radice del rimprovero, e quindi ha la natura di un'ingiuria di biasimo. Certo, criticare insultando non è il massimo, ma siamo umani e a volte scappa - o proprio ci vuole.

Parola pubblicata il 29 Settembre 2015