Precipuo

pre-cì-puo

Principale, essenziale

dal latino: precipuus, composto di pre prima e capere prendere. Che si prende per primo.

È una parola di registro alto; parlando di interessi, caratteri, scopi, il precipuo è il principale, quello che viene in considerazione prima e più degli altri, e perciò l'essenziale, il peculiare, il caratteristico.

Si potrà parlare del fine precipuo di una riforma, ossia il fine che più propriamente persegue; della tesi precipua di una filosofia, cioè della posizione più caratteristica; dei connotati precipui di una cucina etnica o tradizionale, cioè dei tratti alimentari o di costume più tipici.

Non è una parola facile: serve perspicacia, per indicare il precipuo, e padronanza di quel che si dice.

Parola pubblicata il 24 Novembre 2012

Commenti