Tiglioso

ti-glió-so

Fibroso, che si mastica male, duro

da tiglio, nel significato di fibra.

Tiglio non è solo il nome di un albero: l'estrema fibrosità del suo legno ha suggerito un'antonomasia, per cui "tiglio" diventa in genere la fibra. A esempio, si parla della lunghezza di tiglio intendendo la lunghezza che le fibre tessili devono avere per poter essere filate.

Come è facile intuire, il tiglioso diventa quindi il fibroso - senza più alcun nesso con l'albero. E questa parola è usata in particolar modo in relazione alla consistenza di un cibo, alla sensazione di stopposità percepita sotto i denti - e alla difficoltà di masticazione. Può essere tigliosa un'albicocca striminzita dalla siccità, può essere tigliosa la carne di animale morto di vecchiaia, e la gradevole freschezza di un'insalata può volgere in disgusto per un'inaspettata tigliosità.

Naturalmente il tiglioso ha anche invitato dei significati figurati, sempre sulla scorta dell'immagine di una dura fibrosità: può essere tiglioso un carattere indocile, possono essere tigliose delle rigidità morali, può essere tigliosa una prosa che scorre con difficoltà.

Retaggio di un tempo in cui la lingua viva conosceva i caratteri delle piante.

Parola pubblicata il 23 Agosto 2014

Commenti