Logo Una parola al giorno

Default

  • 17

defòolt

SignIn informatica, scelta operativa che un sistema opera in assenza di istruzioni da parte dell’utente; in economia, l’incapacità patrimoniale di un debitore di soddisfare i propri obblighi o di saldare i propri debiti

voce inglese, propriamente 'mancanza', 'difetto', dal francese défaut.

Questo è un anglicismo molto tecnico, che si divide tra due settori, quello finanziario e quello informatico, in cui esperti e media lasciano spesso e volentieri i prestiti non tradotti con l’intento di conferire un tocco di professionalità in più a ciò di cui si discute, calando allo stesso tempo un velo di impenetrabilità per i destinatari che specialisti non sono.

Il significato relativo all'ambito economico, che si riferisce all'inadempienza nei confronti di un debito o di un obbligo, è palesemente legato a quello originario: un'offesa, un crimine, ma anche e soprattutto un fallimento, una privazione, un difetto — per usare la parola che più gli si avvicina nella forma. La derivazione è latina: il verbo fallere, che significa ingannare ma anche sfuggire, venire meno, si unisce al rafforzativo de- e dà vita a un ipotetico defallita, da cui il francese antico défaut e l’inglese default prima come verbo e poi come sostantivo. La mancanza di cui si parla nelle sfere economiche, come sappiamo, è in genere grave: magari non ne afferriamo con precisione i dettagli microscopici, ma se sentiamo dire che il comune o lo Stato sono in default, capiamo subito che di certo non navigano in buone acque poiché non sono in grado di far fronte ai propri debiti.

Più nuovo, fresco e rapidamente in espansione nel linguaggio comune è invece il default informatico, in cui il venir meno di cui si parla è un'assenza meno criminosa, quel momento in cui la mano umana non è presente per intervenire nelle operazioni delle macchine e queste ultime sono state impostate per agire automaticamente in un determinato modo. È questo automatismo che dà origine all'espressione 'di default', che spesso ironicamente indica un'abitudine, qualcosa che si ripete meccanicamente e difficilmente muta: recentemente, ad esempio, il mio fidanzato, che si stufa a fare le file, si chiedeva se gli anziani appostati nello studio medico ancor prima dell’apertura ci fossero di default. Un passaggio nel parlato quotidiano che aiuta ad alleggerire un termine altrimenti tutt'altro che lieto.

Con Eleonora Mamusa, linguista e lessicografa, a venerdì alterni sviscereremo un nuovo anglicismo.

Parola pubblicata il 16 Agosto 2019

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato