Incrostato

  • 15

in-cro-stà-to

SignRicoperto di sedimenti induriti; rivestito di materiali preziosi

participio passato di incrostare, dal latino incrustare, derivato dal latino crusta ‘incrostazione, scorza, rivestimento, cesellatura’.

Qui coesistono due significati che paiono radicalmente diversi.

Quotidianamente, se pensiamo all’aggettivo incrostato, che cosa ci balza davanti agli occhi? Il vetro del forno che non abbiamo pulito per mesi. La resistenza della lavatrice ricoperta di calcare. In generale, qualcosa su cui si è attaccato uno sporco pervicace, spesso sedimentato, stratificato, che per essere pulito (quando può essere pulito) richiede solventi e olio di gomito.

Ma l’incrostato non è solo sporco. Già in latino poteva descrivere anche qualcosa di rivestito di materiali di pregio, addirittura di cesellato: la differenza fra questi due significati è minore di quanto paia.

Già perché comunque l’incrostato è ricoperto di parti minute unite insieme, di strati sovrapposti, non da un rivestimento omogeneo e uniforme. Si può parlare dello scettro incrostato di gemme e smalti. Si può parlare del tavolo incrostato di pietre dure. Delle posate dai manici incrostati di madreperla.

La raffinatezza e la versatilità di questo aggettivo sta nel fatto che descrive innanzitutto la forma, la geometria di un rivestimento. Che poi si può sostanziare in cesellature preziose o in sporco ribruciato.


Illustrazione di Celina Elmi.

Parola pubblicata il 19 Maggio 2017

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

Iscriviti ADESSO: è gratis!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Cliccando il pulsante accetti la Privacy Policy

» Sono già registrato