Logo Una parola al giorno

Nenia

  • 36

SignAntico canto funebre; canto monotono; lamento insistente, discorso noioso

dal latino nenia, di origine onomatopeica.

La nenia ci mette davanti all'intreccio di due caratteri che pur essendo spesso associati non vanno considerati tutt'uno: monotonia e noia.

Originariamente la nenia era il canto funebre che nell'antica Roma accompagnava il feretro e la sua sepoltura, intonato su un suono lugubre di tibia - un flauto d'osso. Gli schemi ricorsivi e l'intonazione conferiscono alla nenia il carattere della monotonia. Peraltro Nenia fu anche nome proprio di una dea, che giusto presiedeva a questo rituale.

In italiano questo termine emerge come voce dotta (cioè morta da secoli e recuperata ex novo dal latino) nel Quattrocento, e ancora per parecchio tempo ha significato il canto funebre e il canto monotono. Solo alle porte dell'Ottocento la nenia diventa anche la conversazione lunga e noiosa, nonché la lagna. Ebbene questa estensione, per quanto ci appaia del tutto ovvia, è piuttosto grossolana.

Il canto funebre lento e che ritorna su sé stesso potrà essere monotono, ma difficilmente la morte annoia, difficilmente infastidisce. Piuttosto il canto monotono concentra, sgombra il pensiero, ipnotizza, e volentieri culla, addormenta - non perché noioso, ma perché il ritmo che rivà con insistenza è psicagogico, s'impadronisce della mente. Vederci dentro soprattutto noia e fastidio ne esclude l'incanto, incanto che la nenia invece ha. Intonando una nenia leggera si calmano i bambini, la visita nella grande chiesa è resa ancor più suggestiva dalle nenie bisbigliate in sottofondo, il canto di lavoro diventa una nenia.

Invece se vogliamo prenderla sportiva e senza troppe sfumature delicate, possiamo ficcare la nenia nel sacco della noia e del fastidio e parlare quindi della nenia del bambino che si lagna in aereo, della poesia celebre che ci suona come una nenia piagnucolosa, della solita nenia con cui l'amico ci racconta dei suoi malanni e di come sono peggiori dei nostri.

Parola pubblicata il 17 Luglio 2018

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato