Callido

càl-li-do

Scaltro

dal latino: callere aver fatto il callo, essere esperto.

Latinismo piuttosto spinto e decisamente obsoleto, ma stupendo.

La callidità è quell'astuzia che viene allenata dall'esperienza; callido è l'ingegnoso segreto del vecchio liutaio nella scelta del legno per un violino, callido il tono emozionante e divertente con cui parla il professore che in decenni ha forgiato il suo metodo per far passare la materia, callida la cagnolina che ha imparato che uggiolando e guardandoti da sotto in su, non c'è verso, non potrai resistere, tu adesso le darai quel biscotto.

Parola pubblicata il 21 Dicembre 2011

Commenti