Caucus

L'anglicismo e il gentiluomo

còcus

Significato Negli Stati Uniti, riunione politica ristretta in cui i rappresentanti di un partito scelgono i loro candidati a una carica pubblica; figuratamente, riunione di persone che detengono un potere

Etimologia voce inglese di origine sconosciuta.

Paese che vai, sistema politico che trovi. Ma nonostante questa usanza rimanga prettamente caratteristica degli Stati Uniti, indicando quelle assemblee territoriali che in alcuni Stati si svolgono, ad esempio, per scegliere il nome del candidato alla presidenza nazionale, è vero anche che potrebbe rappresentare una realtà meno lontana di quanto non appaia: è infatti in costante circolazione la proposta (e insieme ad essa, ovviamente, la parola), da parte di alcuni politici italiani, di sfruttare questo sistema anche a casa nostra, ritenendolo più valido ed efficace, tra l’altro, rispetto a quello delle elezioni primarie. 

In attesa di comprendere se un tale progetto andrà in porto oppure no, è interessante seguire i tentativi di ricostruzione etimologica relativi a questa parola dal suono così esotico. Vi sono poche certezze a riguardo, ma la teoria più accreditata (e forse anche la più affascinante) è che sia di derivazione algonchina, nata quindi in seno al gruppo di tribù di Indiani d’America più consistente; tra questi nativi, infatti, il termine caucauasu significa consigliere, usato per indicare quel saggio, di solito attempato, che dispensa proposte e raccomandazioni, e per estensione per designare gli incontri tra i capi tribù; il vocabolo sarebbe entrato poi nelle parlate comuni in Stati quali la Virginia ed il New England, introducendosi poi nella lingua standard.

È stato anche ipotizzato, ma si tratta di una tesi più debole, che il significato si sia sviluppato da un nome proprio, quello di un club sociale e politico di Boston detto il Caucus, attivo negli anni Sessanta del Settecento e in cui si scorgerebbe una provenienza dal greco moderno kaukos, ovvero bicchiere, tazza. In ogni caso, in entrambe queste ricostruzioni intravediamo un senso della politica vista come momento di confronto sociale, di discussione per giungere a delle scelte ponderate e condivise. 

A questo proposito, da tenere d’occhio l’uso figurato, per il momento piuttosto limitato ma presente su alcuni dizionari, che rompe i confini nazionali e lo trascina senz’altro verso un significato più ampio e generico, aiutandolo a farsi spazio come possibile alternativa di termini solidissimi quali assemblea, riunione e comizio. Paese che vai, tradizioni adottate che trovi.

Parola pubblicata il 27 Dicembre 2019

L'anglicismo e il gentiluomo - con Eleonora Mamusa

Di nuovo sul fronte sempre caldo, interessante e scivoloso degli anglicismi: stavolta a venerdì alterni con Eleonora Mamusa, linguista e lessicografa - per riuscire a strutturare in merito idee più confacenti.