Gibboso

gib-bó-so

Che ha la gobba; irregolare, con convessità, sporgenze

dal latino tardo gibbosus, derivato di gibbus 'gobba'.

Questa parola non è delle più comuni, ma ha una precisione straordinaria che la rende indispensabile.

Parliamo di chi - animali umani e no - ha la gobba: questa la conosciamo soprattutto come una cifosi patologica che incurva la schiena, o come elemento anatomico fisiologico anzi caratteristico - come quella del dromedario. Chi ne abbia una può letterariamente essere definito 'gibboso'. Ma in questo senso il gibboso suona un po' esagerato: quel suffisso '-oso' denota sovente la grande abbondanza di una qualità - e la gobba, camelidi a parte, è una qualità che di rado si vuole esaltare. Magari in tanti contesti gli si può preferire un più compassato 'gibbuto', un piano 'gobbuto', o direttamente 'gobbo'.

Ma questa parola sferra la sua particolare forza quando si astrae dalle curve dorsali: il gibboso diventa ciò che abbonda di gobbe, e che quindi si mostra irregolare, ricco di convessità, sporgenze. Si distingue dall'ondulato, che non è piatto ma comunque ha una sua regolarità; nemmeno è vago come l'irregolare; e parla di sporgenze ma non fa rilevare il fatto che sporgano, quanto che squassino una continuità armoniosa. È piuttosto vicino al più ruspante bitorzoluto - ma anche da questo si differenzia: il gibboso è irregolare, ma la curva delle gobbe è morbida e netta, mentre la forma dei bitorzoli è tuberosa, dura, sgradevole.

L'erba alta nasconde le gibbosità del prato, così correndo allegri caschiamo ogni tre metri; s'impara ad andare in bicicletta in un piazzale abbandonato e reso gibboso dalle radici dei pini - con le pigne segniamo i percorsi; e siamo affezionati al nostro vecchio cuscino, per quanto la fodera sia lisa e l'imbottitura gibbosa.

È una parola aggraziata perché, sorprende dirlo, la curva della gobba è aggraziata; e se pure curve simili sformano una regolarità, non la rompono. Il gibboso non ha spigoli, non ha asperità.

Parola pubblicata il 25 Aprile 2018

Commenti