Salario

sa-là-rio

Retribuzione del lavoratore dipendente

dal latino salarium 'razione di sale', e poi 'indennità' - neutro sostantivato di salarius 'relativo al sale', da sal 'sale'.

Siamo forse davanti a una delle etimologie insieme più note e stupefacenti della nostra lingua. Rivediamola, a giovamento di chi non la conosce e ne sarà sorpreso e di chi la dà per scontata e ne rispolvererà l'umile meraviglia.

Non è un mistero che nell'antica Roma parte dello stipendio di militari e impiegati civili fosse costituito da una razione di sale: anche se oggi mantiene il solo fascino dell'ingrediente gustoso che fa male alla salute, un tempo il sale era un elemento raro ed estremamente prezioso - pensiamo anche solo alla conservazione del cibo. Se dapprima tale razione era fornita materialmente, col tempo fu sostituita da un'indennità con cui acquistarla; già in età imperiale, il termine 'salario' finì per indicare tout-court la retribuzione del lavoratore.

Ancora una volta, troviamo una parola quotidiana e consueta che nelle sue falde nasconde un percorso lunghissimo, vestigio di un'usanza risalente a migliaia di anni fa.

Parola pubblicata il 05 Febbraio 2016

Commenti