Tugurio

tu-gù-rio

Casa o locale squallido e angusto

dal latino tugurium.

Una parola di significato semplice ma dai risvolti interessanti.

Il tugurio non è la casa modesta o il locale un po' piccino: è la topaia, la catapecchia, lo squallido buco che casca a pezzi, di angustia asfittica - e perché no?, lurido. Ma questo quadretto poco gradevole è veicolato attraverso un registro dotto: "tugurio" è una parola alta, e crea una solleticante dissonanza fra tono e oggetto.

Per esigenze d'azienda, il proprio dignitoso ufficio può essere trasferito in un tugurio umido con le finestre vista muro; lo studente fuorisede può sentirsi chiedere cifre astronomiche per l'affitto di una stanza in un tugurio ristrutturato negli anni '60 del diciannovesimo secolo; e quel certo ristorante che conoscono in pochi sarà anche un tugurio, ma come ci si mangia...!

Parola pubblicata il 02 Dicembre 2014

Commenti