Logo Una parola al giorno

Ammutinamento

  • 23

am-mu-ti-na-mén-to

SignRifiuto collettivo di obbedire agli ordini dei superiori; ribellione, sedizione

attraverso lo spagnolo amotinar, dal francese (se) mutiner, che è da meute 'sommossa'. A sua volta dal latino movére 'muovere'.

Se pensiamo a un ammutinamento ci viene subito in mente l'equipaggio insofferente della nave che decide di ribellarsi, prendendo possesso del bastimento con un rapido colpo di mano e abbandonando il capitano e i suoi sostenitori su una scialuppa o su un'isoletta. Ma l'ammutinamento navale è solo una specie del tornito genere di azioni che l'ammutinamento può descrivere.

Di base è un'insubordinazione: un gruppo di persone, tenute al disciplinato rispetto degli ordini di superiori gerarchici o di una precisa autorità, non obbedisce come dovrebbe. Il grado della disobbedienza può arrivare fino alla sedizione, all'aperta rivolta: ed è proprio con questa immagine che nasce l'ammutinamento, etimologicamente una sommossa, un movimento, portato contro capi militari dai loro sottoposti.

Ma l'ammutinamento per eccellenza resta proprio quello in mare: l'isolamento della nave da terra, la stretta vicinanza dei membri dell'equipaggio, la durezza e i problemi della vita a bordo e la relativa facilità con cui gli equilibri di potere lì possono essere sovvertiti lo ha reso una chimera presente e temuta, molto viva nell'immaginario comune. Ovviamente è una sedizione da sempre severamente punita, e ancora oggi, in maniera variegata, popola le leggi penali.

Tanta serietà invita naturalmente un rivolgimento ironico, che coglie nell'ammutinamento una protesta coesa, un rifiuto condiviso, una volontà concorde che si muove contro un'autorità (in senso lato) e le sue decisioni: gridiamo all'ammutinamento quando alla cassa del cinema il resto della famiglia s'impone per un film diverso da quello che eravamo andati a vedere, il professore reagisce alla compatta richiesta di spostare il compito con la severa accettazione dell'ammiraglio vittima di un ammutinamento, e l'ammutinamento dei fan della serie davanti alla morte del personaggio amato fa tornare l'autore sui suoi passi: non era morto davvero!

Illustrazione di Celina Elmi.

Parola pubblicata il 28 Febbraio 2018

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato