Logo Una parola al giorno

Antitesi

  • 36

an-tì-te-si

Signfigura retorica che consiste nella contrapposizione di idee messe in relazione tra loro; in filosofia, proposizione che contraddice la tesi

dal greco antíthesis ‘contrapposizione’.

Quando si tratta di antitesi, fondamentale è il riferimento al contesto in cui se ne parla: il termine assume infatti tre significati diversi qualora sia inteso nell’ambito della retorica, del parlare quotidiano o della filosofia.

Se genericamente indica una semplice contrapposizione di concetti, in retorica l’antitesi la troviamo solo quando nella contrapposizione c’è corrispondenza di costrutti tra i membri. “Le nostre attrici cinematografiche hanno affermato la teoria che anime semplici abitano preferibilmente corpi complessi”, leggiamo nel Diario degli errori di Ennio Flaiano, il poliforme autore pescarese (critico, sceneggiatore, drammaturgo, umorista, giornalista autore di elzeviri) dei primi del ‘900. Le anime son contrapposte ai corpi, e se questi sono complessi, le prime sono semplici.

Richiamando questa contrapposizione anima/corpo, è interessante notare come l’antitesi sia stata la figura regina dell’oratoria sacra: il Cristianesimo basa una grossa porzione della dottrina sull’antinomia tra concetti come corpo/spirito, bene/male, pena/ricompensa, ed è nel contesto religioso che possiamo apprezzare, nella preghiera di San Bernardo da Chiaravalle, la triplice antitesi in apertura del XXXIII canto del Paradiso dantesco: “Vergine Madre, figlia del tuo figlio, / umile e alta […]” è la preghiera alla Vergine Madre (prima antitesi), figlia del figlio (seconda antitesi), umile e alta (terza antitesi).

Nel parlare quotidiano, l’antitesi indica genericamente una contrapposizione generale, senza pretese di corrispondenze ferree come in retorica: un pensatore può essere in antitesi con un altro, qualora la pensi in maniera radicalmente differente, e noi possiamo ricercare antitesi concettuali nei libri che leggiamo: in questo senso, per esempio, possiamo definire antitesi tutte le contrapposizioni nella sinfonia di vicende del “Visconte dimezzato” di Calvino, e non solo quella più palese tra le due metà (buona e cattiva) del Visconte Medardo, ma anche quelle più sottili e distese nel testo, come quella tra i marmorei Ugonotti col loro rigido temperamento e gli scanzonati lebbrosi del paese di Pratofungo, dediti unicamente a giochi e feste licenziosi.

Nel linguaggio filosofico, infine, se inizialmente indicava una contrapposizione generica come negli esempi di poco fa, da Kant in poi l’antitesi diviene la proposizione che contraddice la tesi. Questo valore è lo stesso che l’antitesi assume, inoltre, nell’ambito dell’argomentazione (scritta o orale): si avvalora una tesi, le si contrappone un’antitesi e si traggono delle conclusioni in una sintesi.

Etimologicamente la tesi è, derivando dal verbo greco “títhemi” (‘io pongo’), la posizione, l’atto astratto del porre qualcosa; di conseguenza, l’antitesi è l’atto di contrapporre qualcosa. Si tratti di retorica, filosofia o chiacchiere quotidiane, qualcosa da contrapporre c’è sempre: solo che adesso, anziché dire banalmente a qualcuno di piantarla di fare il bastian contrario, possiamo dirgli di darci un taglio con le antitesi.

Mauro Aresu, giovane studente di Lettere classiche, a venerdì alterni ci racconta una figura retorica.

Parola pubblicata il 09 Febbraio 2018

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato