Logo Una parola al giorno

Assolutamente

  • 15

as-so-lu-ta-mén-te

SignIn maniera assoluta, senza limiti; necessariamente, in ogni modo; del tutto

avverbio derivato di assoluto, dal latino absolutus, che è participio passato di absolvere sciogliere.

Siamo davanti a uno degli avverbi più forzuti della nostra lingua: nella frase è un'ascia che schianta limiti e vincoli, mossa dalla sicumera di un significato quasi religioso.

In primis va rilevata una banalità: assolutamente significa "in maniera assoluta"; ma poiché "assoluto" non è un aggettivo facile, questo significato immediato si declina in una serie d'usi estremamente interessanti e controversi.

Sorvolando sugli usi più lineari (pensiamo al voler esercitare un diritto assolutamente) e su quelli più specifici (come, in grammatica, il verbo costruito assolutamente, cioè senza il complemento che solitamente gli si associa, come accade nell'espressione "leggo tanto"), ci si può soffermare in particolare sull'uso di assolutamente nel senso di necessario: se devo andare assolutamente al bagno, significa che ogni altra esigenza è tranciata via, se si deve assolutamente giungere a un accordo, vuol dire che si tratta di una priorità sciolta da ogni condizione. Un bel senso, che cavalca bene la forza del concetto.

Molto censurato è invece l'uso di assolutamente come intensivo del sì e del no, o addirittura come loro sostituto.

"Sei d'accordo con quanto dice Tizio?" "Assolutamente sì". In questo caso, l'assolutamente è un'esagerazione gratuita: parole come sì e no sono già da sé nette, e accostarvi un avverbio del genere non apporta alcun significato ulteriore. Rende invece affermazioni e negazioni tronfie e rumorose.

"Sei stato tu a finire la marmellata?" "Assolutamente". Questo caso è ancor peggiore del primo: assolutamente, in sé, è neutro. Non significa né sì né no. Usarlo da solo come risposta lascia nell'incertezza. Il che può essere un risultato voluto, ma il più delle volte non lo è. Questa pratica nasce dall'uso inglese di absolutely, che come interiezione ha un valore positivo; e il lignaggio dei doppiatori italiani, trovandosi a dover doppiare una parola così ingombrante, ha capitolato e l'ha riproposta pari pari.

Certo, questi ultimi usi non sono splendidi. Ma si deve stare attenti a leggere in ogni moda linguistica passeggera la fatale decadenza dei costumi. Sono tremila anni che i costumi sono in decadenza, facciamoci pace.

Parola pubblicata il 19 Novembre 2014

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato