Espungere

  • 47

es-pùn-ge-re (io es-pùn-go)

SignNei manoscritti antichi, eliminare dal testo lettere, parole o frasi, segnando un punto sopra o sotto le singole lettere; in filologia, eliminazione di parole o frasi ritenute interpolate; eliminare qualcosa da un testo, spesso da una lista

dal latino expungere 'cancellare con punti', composto da ex- fuori e pungere.

Siamo abituati a cancellare lettere, parole o frasi da un testo scritto con tratti decisi, evidenti: si tira una riga, si fa un frego. Invece l'espungere ci racconta una pratica enormemente più aggraziata: il segnare con dei punti, sopra o sotto, le lettere da non considerare.

È sicuramente una pratica andata, di cui si trova traccia solo in manoscritti vecchi di secoli; ma l'onda lunga di questa azione permane nei significati dell'espungere. E se in filologia si parla dell'espungere come dell'eliminare parti di testo interpolate, spurie, che non appartengono alla versione originale, comunemente l'espungere resta l'eliminare qualcosa da un testo. Spesso si usa in riferimento a liste ed elenchi. Così il candidato ritirato viene espunto dalla graduatoria, facendo la spesa si espungono via via dalla lista le cose che abbiamo già messo nel carrello, e dalla versione definitiva dell'articolo si decide di espungere un riferimento di cui non siamo completamente sicuri.

La scelta di questa parola è cifra di un eloquio forbito, che ammanta di grazia un'azione fra le più comuni - anche se spesso la pratica da cui scaturisce questo verbo non è nota.

Parola pubblicata il 25 Novembre 2016

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato