Buontempone

buon-tem-pó-ne

Gioviale; persona giocosa e allegra

da buontempo ossia 'divertimento', composto da buon e tempo.

Anticamente era usato un termine bellissimo per indicare il divertimento: 'buontempo'. Un termine semplice capace di descrivere con immediatezza tutta la piacevolezza del momento dedicato allo spasso. Ora, anche se 'buontempo' è una parola del tutto desueta, lo stesso non vale per 'buontempone' - cioè chi si dedica al buontempo.

Il buontempone - o bontempone - non è necessariamente un fannullone, un pigro, un accidioso. È solamente inclinato alla giovialità e al divertimento - o magari lo si presume ironicamente. Ce lo immaginiamo ben in carne e sorridente, sempre pronto allo scherzo, ma al di là di questo stereotipo si possono trovare molti esempi di buontempone, nella nostra vita (e magari anche noi lo siamo). Ad esempio, il ristorante può essere invaso da una banda di chiassosi bontemponi, durante la cena in famiglia lo zio si produce in una sequela di barzellette buontempone (può anche essere un aggettivo), e qualche bontempone ha parcheggiato così vicino alla nostra auto che ci tocca entrare dal bagagliaio.

Una parola importante, perché è importante tenere la giovialità nei nostri discorsi.

Parola pubblicata il 31 Dicembre 2015

Commenti