Congruo

còn-gru-o

Che corrisponde ai bisogni, adeguato, opportuno

voce dotta recuperata dal latino congruus 'conforme, adatto', che è dal verbo congrùere 'coincidere, concordare'.

Qui c'è da osservare una minuzia vertiginosa. Se diciamo che, al principio, il termine che guardiamo deriva dal verbo congrùere, anche l'occhio meno allenato ci riconosce subito dentro il prefisso con-, un prefisso ricchissimo, che conosciamo bene e struttura il verbo con un significato di... Un momento, ma grùere che cosa vuol dire?

Siamo davanti a uno dei casi (non molti ma nemmeno singolari) in cui un termine affonda troppo. Non di molto, beninteso: è caduto in desuetudine prima che fosse attestato da solo, ma si apprezza ancora in una manciata di derivati. Si può ipotizzare che sia stata una variante del verbo rùere 'precipitarsi, affrettarsi', per cui il congrùere ne verrebbe fuori col senso di un coincidere, un trovarsi, descritto come un accorrere insieme, nella stessa situazione — ma la questione è dibattuta. Sostare nell'incertezza a stento sondabile può essere suggestivo: accarezziamo questo grùere così come accarezzeremmo il volto di una persona sconosciuta (e però familiare) seduta accanto alla bisnonna da giovane, in una foto in posa ormai stinta.

Il significato del congruo, ad ogni modo, è di un'eleganza eletta e blandamente ricercata — così come il suo suono, che con un accento sdrucciolo impone la severità delle sue consonanti, ma ammorbidita da vocali scure. Ci racconta la qualità dell'adeguato, dell'opportuno, del corrispondente al bisogno nella giusta proporzione; il congruus latino che recupera e salva nella nostra lingua (siamo all'inizio del Trecento) aveva già questi significati, ampliati intelligentemente da quel congrùere (che troviamo anche nel geometrico 'congruente') che parlava di un incontrare, di un combaciare, di un corrispondere. Così per consegnare il lavoro in tempo utile chiediamo un congruo preavviso, annuiamo ritenendo congrui i termini dell'accordo, e la risposta congrua ci soddisfa senza esagerazioni o sbavature.

Una parola che non solo ha un significato di precisione, ma che di precisione conferisce un'aura.

Parola pubblicata il 04 Settembre 2019

Commenti