Logo Una parola al giorno

Smaccato

  • 36

smac-cà-to

SignTroppo dolce, nauseante; esagerato, sfacciato, eccessivo

etimo incerto; forse da smaccare, che significa 'avvilire, umiliare, svergognare', di origine incerta, forse da ricollegare ad ammaccare, di etimo oscuro ma che forse è un derivato del latino macula, 'macchia'.

Qui siamo davanti a parole non particolarmente ricercate che però fra significati ed etimologie formano un intrico su cui i migliori studiosi si sono arrovellati senza riuscire a fare luce chiara. Già, perché per quanto le loro forme siano prossime i loro significati sono distanti, e sembrano irriducibili a un'origine comune: se lo smaccato è il troppo dolce, l'eccessivo, invece lo smacco (al fianco dello 'smaccare') è l'onta, la delusione bruciante, l'umiliante sconfitta. C'è chi ha ipotizzato che siano riconducibili tutte, da 'smaccare', ad 'ammaccare', ma nessuno ne sembra persuaso.

Lo smaccato non lo conosciamo tanto come participio passato di 'smaccare' (anche perché è un verbo desueto), ma con dei significati propri: alla fine del Cinquecento emerge in italiano parlando di un sapore. Il sapore descritto dallo smaccato è un dolce esagerato, perfino nauseabondo. Dopo un mese d'infusione scopriamo che il nostro limoncello è smaccato perché abbiamo sbagliato le dosi di sciroppo, ci sembrano smaccati i torroni di cui è ghiotta la nonna, e nel momento di gran fame la torta smaccata è comunque godutissima.

Ma più consuetamente lo smaccato è per noi in genere l'esagerato, l'eccessivo: lo zio ha una fortuna smaccata nelle lotterie, l'amico si prodiga in lodi smaccate per pura piaggeria, e quando ha due soldi in più il collega ostenta in modo smaccato i suoi nuovi acquisti. C'è una sfacciataggine intensa, nello smaccato, un troppo che non tenta di nascondersi e che anzi è palese come è palese un sapore tanto dolce da urtare - e in questo richiamo sensoriale, e nel suo suono schioccante, quasi allappato, mostra la sua forza.

Così come è fine notare la vicinanza di parole che non s'immaginano prossime, è fine notare la lontananza di termini che parrebbero naturalmente parenti: e quanto è lontana la sofferenza dello smacco dalla dolcezza che aggozza dello smaccato.

Parola pubblicata il 29 Dicembre 2018

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato