Bizantino

bi-zan-tì-no

Relativo alla civiltà bizantina; eccessivamente raffinato; pedante, cavilloso, sottile

da Byzantium, antico nome di Bisanzio - poi Costantinopoli, attuale Istanbul.

Lo stile bizantino fu uno stile di raffinatezza complessa, di gusto sofisticato.

Estendendo il significato alle attribuzioni che gli furono più comuni, un arredamento bizantino sarà opulento, pletorico, e un testo bizantino sarà oltremodo ricco, lento e pesante.

L'eccesso, nell'ottica di uno stile così grasso, languido e indolente, si accompagna ad una ulteriore estensione di significato nel senso di una sottigliezza estrema, di un gioco di cavilli - come era proprio di una cultura stanca ed annoiata, che bene riassume questi suoi connotati nella poesia "Langueur" di Verlaine, manifesto del decadentismo. Così saranno bizantine argomentazioni oziose che non portano a niente, discriminazioni pedanti, descrizioni stucchevoli.

Parola pubblicata il 07 Febbraio 2011

Commenti