Incognito

Parole illustrate

in-cò-gni-to

Sconosciuto; condizione di chi vuole tenere celata la propria identità

voce dotta recuperata dal latino incognitus 'sconosciuto, ignoto', derivato di cognitus, participio passato di cognóscere 'conoscere', con prefisso negativo in-.

È una parola che si mastica di frequente, ma i suoi significati correnti sono sottili e piuttosto limitati, e inoltre veste degli evidenti panni latini che hanno un certo peso sulle sue sfumature.

Si potrebbe dire che l'incognito è lo sconosciuto, ma sarebbe un'affermazione da circostanziare: non si sente tanto parlare delle cause incognite che hanno determinato un gesto, delle vie incognite che ci affascinano nella nuova città - è un uso letterario o rétro. Difficilmente dirò anche che mi imbuco incognito alla festa: facilmente userò questa parola come sostantivo, dicendo che ci vado in incognito.

Già perché l'incognito che frequentiamo quotidianamente non è la qualità dello sconosciuto, ma la condizione, il fatto di tener nascosta la propria identità. Conserviamo con attenzione l'incognito quando vogliamo cogliere delle informazioni delicate, la persona sempre in vista si gode un bel viaggio nel più stretto incognito, nell'incognito veneziano fioriscono feste carnevalesche e trame intriganti.

Nel fatto che l'incognito sia la condizione di chi si travisa, di chi cela la propria identità, si trovano due cifre interessanti: la prima (simpatica anche se poco solida) è la concretizzazione esemplare di una differenza classica con l'ignoto - per cui si recita che mentre l'incognito sarebbe sconosciuto ad alcuni, l'ignoto è sconosciuto a tutti. Non è una verità scolpita nel marmo, ma è ovvio che almeno chi porta l'incognito, nell'occultarla, conosca la propria identità.

A questo si aggiunge la seconda, molto più solida: l'opzione dotta per questo latinismo dà immediatamente una dimensione studiata all'incognito. Difficilmente ci si ritrova in incognito, c'è un passaggio intellettuale, un piano ordinato - anche perché celare la propria identità non è sforzo banalissimo, ed è volentieri volto a fini coperti, magari loschi. E questa trama preparata è adombrata dalla ricercatezza del termine, così aderente all'originale latino - che continua a garantirci una vena di potere che sembra inesauribile.

Parola pubblicata il 13 Aprile 2019

Parole illustrate - con Celina Elmi

Alcune delle più fascinose fra le nostre parole, con incastonate illustrazioni ammalianti di gusto liberty, gotico, preraffaellita. Dall'arte di Celina Elmi, artista professionista delle nostre terre.

Commenti