Logo Una parola al giorno

Sfoglia per data - pagina 7

Risentimento

ri-sen-ti-mén-to

SignSentimento di rancore, desiderio di rivalsa e sdegno provato davanti all'ingiuria e alla provocazione; sensazione dolorosa, disturbo che è conseguenza di un trauma o di una malattia

da sentire, con prefisso ri- con valori differenti.

Davanti al risentimento si deve considerare che spesso basta un solo prefisso a rendere davvero sottile e complessa la parola più semplice e grossa. Qui tocca a 'sentire', che alla fine della storia prende una piega scura e tagliente. Nel risentimento, il prefisso 'ri-' descrive un movimento contrario. È un sentimento di reazione, uno spritz fatto di rancore secco, di desiderio di rivalsa (altri preferiscono l'animosità) e sdegno frizzante: infatti nasce nel Cinquecento come il sentimento...

» Continua a leggere...

Tampinare

tam-pi-nà-re (io tam-pì-no)

SignAssillare, importunare, seguire con insistenza

dal milanese tampinà 'infastidire', di origine sconosciuta.

Sarà forse per l'assonanza con 'tamponare', ma questa parola riesce a descrivere con grande potenza un importunare che ha la dimensione di un seguire. Eppure, al di là della provenienza milanese, la sua origine è sconosciuta (qualcuno ipotizza una matrice onomatopeica, ma i migliori non si sbilanciano). Ciò che sappiamo per certo è che entra in italiano negli anni '60 del secolo scorso, anche per effetto del suo uso da parte di importanti autori della sfera di Milano, come Gianni Brera e...

» Continua a leggere...

Peperone

pe-pe-ró-ne

SignPianta della famiglia delle solanacee, in particolare la 'Capsicum annuum', e gli ortaggi dolci o piccanti che dà come frutto

dal latino piper 'pepe'.

In una delle strisce del capolavoro di Bill Watterson, Calvin & Hobbes, il pestifero seienne protagonista del fumetto viene mandato a letto senza cena. Soffrirà la fame? Figuriamoci. Nell’ultima vignetta, eccolo che telefona in pizzeria: “... and extra pepperoni!”. Un bambino che ordina pizza con aggiunta di verdure? Decisamente poco plausibile, e infatti in inglese pepperoni non sono i peperoni, che si chiamano (bell) peppers, bensì il salame piccante. Il passaggio tra i due è abbastanza ...

» Continua a leggere...

Dirimpetto

di-rim-pèt-to

SignDi fronte, di faccia, davanti

da di rimpetto.

Per lunghi secoli, fin dall'alba dell'italiano, 'rimpetto' e 'dirimpetto' si sono avvicendati con significati analoghi, e anche se oggi il primo appare raro e antiquato, per capire il dirimpetto è necessario passare anche dal rimpetto. Siamo nel dominio delle parole e delle espressioni che descrivono una posizione nello spazio usando il riferimento di parti del corpo. In particolare il nostro richiamo al petto è molto vicino a quelli analoghi che evocano la faccia e la fronte: tutti ci...

» Continua a leggere...

Marinare

ma-ri-nà-re (io ma-rì-no)

SignIn cucina, tenere immerso un cibo in un liquido a base di vino, aceto o simili per insaporirlo, conservarlo o frollarlo; specie di scolari, saltare una lezione o una funzione

da (acqua) marina.

La domanda che ingombra il tavolo è una: ma che c'entra il marinare i pomodori con il marinare la scuola? La risposta classica è simpatica ma ci sono dei coni d'ombra. Il primo riferimento è all'acqua di mare, che possiamo immaginarci come il liquido per la marinatura primigenia: l'idea geniale è trattare le vivande con un liquido, in cui vanno lasciate immerse per un certo tempo, al fine di insaporirle, toglier loro un sapore sgradevole, conservarle o ammorbidirle. Le varietà di questo...

» Continua a leggere...

Scagnozzo

sca-gnòz-zo

SignTirapiedi, chi sta al servizio di una persona importante per tornaconto personale; professionista di scarsa capacità; prete povero e di scarsa levatura sempre in cerca di servizi religiosi con cui guadagnare

derivato di cagna, in senso spregiativo.

Oggi lo 'scagnozzo' ha per noi un colore molto preciso: è il tirapiedi, lo sgherro, il lacchè di qualcuno di importante. Forse è meno servo del lacchè e anche più innocuo dello sgherro: figuriamoci, è esistita anche la variante 'cagnotto', e possono dare l'idea di un appartenente a un branco di cani sciolti — certo un pericolo da non prendere sottogamba — ma sicuramente i suffissi '-otto' e '-ozzo' non lo vestono di panni terrificanti. Insomma, nelle storie che conosciamo gli scagnozzi del...

» Continua a leggere...

Bandana

SignPiccolo foulard che si porta annodato alla testa o intorno al collo

dal sanscrito बन्धन (bandhana) ‘legame, atto del legare, atto dello stringere’, a sua volta derivato dalla radice verbale बन्ध (bandh) ‘legare, stringere’.

Ormai ci siamo: è estate. Quasi fa paura dirlo a voce alta, pensando all’altalenarsi tra gelo artico e afa da Mille e una notte dell’ultimo periodo, ma dovremmo poter correre il rischio senza incorrere in improvvise inversioni a U. Il mio rapporto con questa stagione è cambiato molto: mentre adesso non amo particolarmente andare al mare (pur vivendo in una delle zone costiere più belle della Sardegna... strana la vita!), quand’ero molto piccolo il mese di maggio portava con sé alcune...

» Continua a leggere...

Topico

tò-pi-co

SignChe riguarda la topica; locale; di medicamento, a uso locale; decisivo, risolutivo

voce dotta recuperata dal latino tardo topicus, dal greco topikós, derivato di tópos 'luogo'.

Il momento topico di una procedura. Il momento topico di una stagione sportiva. Il momento topico della cerimonia ufficiale. Ma che cos'è il momento topico? E perché è topico come il Voltaren che ti applichi direttamente sul punto dolente? Per capirlo dovremo passare per la retorica classica. L'origine di tutto è il greco topos, propriamente il luogo, che però, come correntemente sappiamo, diventa anche il tema, l'argomento, o meglio il luogo comune. Il senso di 'luogo comune' va inteso in...

» Continua a leggere...

Senno

sén-no

SignFacoltà di discernimento, di giudizio, attitudine al pensiero e all'azione prudente; capacità d'intendere

dal francese antico sen 'ragione', di origine germanica.

A volte entrando in acqua non ci aspettiamo che sia così profonda; capita anche con le parole, e questa in particolare mostra dei legami etimologici sorprendentemente diffusi e antichi. Il senno è sostanzialmente la virtù del discernimento, anche se forse è colta in una dimensione più dinamica. Descrive in maniera vitalistica l'attitudine all'essere giudiziosi, prudenti nell'azione e nel pensiero, una maniera che ci fa scordare gli aspetti barbosi e barbogi della cautela e dell'avvedutezza,...

» Continua a leggere...

Ligio

lì-gio

SignIn diritto feudale, di vassallo che aveva giurato stretta fedeltà al suo signore; strettamente legato a qualcuno o a qualcosa; rigorosamente osservante, attaccato a determinate norme

dal francese antico lige, che è dal latino tardo laetius 'servo', derivato da forme precedenti come laetus o letus, di probabile origine germanica, secondo alcuni francone.

'Ligio' è un aggettivo che usiamo comunemente, ma è isolato, non riusciamo a collocarlo in un arcipelago di parole vicine. C'è di che stupirsi: ancora una volta una parola ci mostra a sorpresa che sotto ai vestiti borghesi con cui la incontriamo sempre indossa l'armatura coi colori del feudo, e squaderna un significato concreto molto più forte di quanto avremmo potuto immaginare. È appena il caso di notare che, riguardo all'etimo, se chi sostiene la prima suggestione francone ha ragione,...

» Continua a leggere...

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato