Logo Una parola al giorno

Glamour

  • 38

glàma

SignFascino; fascinoso

voce scozzese, variante di gramarye 'magia, incantesimo', che è alterazione dell'inglese grammar 'grammatica'.

Da un lato l'evoluzione storica di questa parola è delle più affascinanti, dall'altra il suo uso comune è di una vuotezza disarmante. Ma andiamo con ordine.

Siamo in Scozia, verso l'inizio del XVIII secolo: emerge la parola glamour, o glamor, col significato di 'magia, incantesimo'. Con tutta probabilità si tratta di un'alterazione dell'inglese grammar: ma che c'entra la grammatica con la magia? È presto detto.

Le complesse sottigliezze della grammatica hanno suggerito un'estensione del significato del suo nome: già in latino medievale il suo omologo veniva usato come sinonimo di dottrina, in particolare nel descrivere dottrine magiche ed esoteriche. Così il nesso è tratto.

A portare alla ribalta questa parola all'inizio del secolo successivo, determinandone il successo popolare, fu Sir Walter Scott (l'autore di Ivanhoe): in pieno Romanticismo, si rivelava una risorsa davvero interessante per descrivere atmosfere fatate e misteriose.

Nei decenni successivi il glamour scavò poi il riferimento alla bellezza femminile - una bellezza fascinosa, charmant, che opera un incanto di seduzione. Finché nel XX secolo si ridusse alla generica attraenza propria di persone particolarmente celebri, in vista e ammirate.

Tornando in Italia, la chiave di volta di questo arco di significati è formidabile: sfogliando giornali e leggendo articoli ci si accorge che nessuno ha idea di che cosa 'glamour' voglia dire. Non ha dei significati precisi. Non ha nemmeno una categoria grammaticale precisa. Si può dire che venga usato come sinonimo di 'fascino' o 'fascinoso' - il che avrebbe etimologicamente senso - ma in realtà ci troviamo dentro significati ben diversi. Glamour è alla moda. Glamour è bello. Glamour è esclusivo. Glamour è elegante. Glamour è lussuoso. Glamour è sensuale. Disgiuntamente.

Di solito non siamo così tranchant, ma questa parola è un jolly miserabile, buono per chi non sa come esprimersi - o per chi ama crogiolarsi in gerghi vuoti. Insomma, se per tentare di farsi un'idea accettabilmente chiara di che vuol dire un termine d'uso comune serve un'esegesi, c'è qualcosa che proprio non va.

Parola pubblicata il 31 Gennaio 2017

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato