Mellifluo

me-lì-flu-o

Da cui fluisce miele; di gentilezza artificiosa, falsamente gentile

dal latino: mel miele flùere scorrere.

Il mellifluo è quel lezioso manierato che raramente non ha secondi fini: liscia per circuire, addolcisce per nascondere l'amaro del veleno - in perfetto stile da viscido cortigiano. Se aggredisce, insomma, lo fa senza essere aggressivo - tanto che alla bocca invece della schiuma ha il miele.

Risulta una parola piuttosto importante, perché non è non comune, ma la sua gravità vorrebbe che fosse usata in casi eccezionali.

Parola pubblicata il 09 Luglio 2011

Commenti