Lubrico

lù-bri-co; lu-brì-co

Significato Scivoloso, sdrucciolevole, viscido; figuratamente, che offende il senso comune del pudore (scivolando nell'eccesso), oppure molto lascivo

Etimologia dal latino: lubricus derivante da una radice li-/lu- che indica scioglimento, scorrevolezza. Stessa radice di lombrico, per fare un esempio.

È una parola spettacolare, poco conosciuta e con un potenziale stupendo.

Rappresenta ciò che è viscido, su cui si può scivolare. Come sassi coperti di muschio. "Un sentiero lubrico". Però ha un respiro immenso soprattutto nel figurato. È il viscidume dell'eccesso, dell'indecente, ridanciano e un po' grottesco che intrinsecamente lede la morale condivisa."Discorsi lubrichi da bettola". È la lascivia estrema. "Un vecchio lubrico". E in dizionari più antichi, è anche una connotazione adatta a moti intestinali non stitici. "Pardon, ho il ventre lubrico".

Questa parola è uno spasso.

Parola pubblicata il 20 Ottobre 2010