Logo Una parola al giorno

Sfoglia per iniziale: F - pagina 6

Fazione

fa-zió-ne

SignSetta, gruppo politico di particolare aggressività; servizio obbligatorio; azione militare; il fare, fattura

dal latino factio, derivato di facere fare.

La fazione è normalmente intesa come una parte politica, decisamente agguerrita, e evoca quindi concetti di separazione e conflitto. Ma l'immagine da cui l'etimo prende le mosse è quella di un fare comune: la fazione è quel gruppo che si associa per fare qualcosa insieme. Da questo significato intenso e vasto se ne sono selezionati via via di più specifici: a esempio, la fazione è un servizio che deve essere prestato obbligatoriamente, e può essere un'azione militare. Entrambi casi di un...

» Continua a leggere...

Febbrile

feb-brì-le

SignDi febbre; irrequieto, frenetico

dal latino medievale febrilis, a sua volta da febris 'febbre'.

È un aggettivo molto interessante, specie per i suoi significati figurati. Nel gergo medico, semplicemente, è febbrile lo stato di chi ha la febbre - e si può parlare di calore febbrile, di accessi febbrili e via dicendo. Ora, alla febbre è collegato un immaginario di irrequietezza, di frenesia: certo pare strano quando ci immaginiamo a letto disfatti dall'influenza, ma non è comunque uno stato tranquillo, anzi, ci rigiriamo nell'agitazione. In questo senso, ci basti pensare alla febbre del...

» Continua a leggere...

Feccia

féc-cia

SignDeposito che si forma sul fondo di un recipiente che contiene un liquido, specie vino; la parte peggiore

dal latino faex (al genitivo faecis) deposito, scarto.

Questa parola, che condivide la medesima radice di feci, descrive il deposito che precipita sul fondo del recipiente a mano a mano che il liquido contenuto si chiarifica. L'esempio classico è quello della feccia del vino che resta sul fondo della botte, ma tutti abbiamo in mente a esempio anche la feccia in fondo alla bottiglia d'olio. La sorte di questa parola è curiosa; perché se da un lato la feccia è passata a significare per eccellenza la parte peggiore di qualcosa - specie di un...

» Continua a leggere...

Fedele

fe-dé-le

SignCostante, leale, che rispetta gli impegni

dal latino fidelis, da fides 'fiducia, credenza, lealtà'.

Non è tra le parole più usate in tedesco, l’aggettivo fidel, ma neanche tra le più rare. Termine un po’ démodé ma allo stesso tempo colloquiale, si trova ad esempio in espressioni come ein fideler Bursche (un tipo allegro) o eine fidele Runde (un’allegra brigata), nonché nella forma superlativa quietschfidel, che significa “molto allegro” ma anche “sano, in buona salute”. Pura saggezza popolare: il nesso tra buona salute e buonumore non richiede alcuna spiegazione. Decisamente più difficile,...

» Continua a leggere...

Federalismo

fe-de-ra-lì-smo

SignTendenza politica favorevole all'unione di più Stati; tendenza politica favorevole allo smembramento di Stati in enti locali autonomi

dal latino: foedus patto, alleanza.

Le opposte tendenze in una parola singola sono giustificate dal'identico risultato finale. "E pluribus unum", è il motto fondativo degli Stati Uniti d'America. Occhio alla saggezza dell'etimo, quel che non va scordato è che ogni federazione, per propria natura, deve affondare le proprie radici in un patto d'alleanza - radice comune di fiducia, di fedeltà e di fede reciproca. La storia ci insegna che la questione di comodità nell'accorpamento e nello smembramento che prescinda dall'originale...

» Continua a leggere...

Feedback

fìdbec

SignEffetto retroattivo di un'azione o di un fenomeno; in ambito tecnico, ritorno di segnale che permette all'unità di governo del sistema di scoprire eventuali anomalie nello svolgimento del processo controllato e di provvedervi opportunamente

voce inglese, composto di (to) feed ‘alimentare, nutrire’ e back ‘indietro’.

Feedback, come tantissimi degli anglicismi adottati in italiano, è un tecnicismo. Gli ambiti di utilizzo sono numerosi: in generale, abbiamo un sistema, la cui azione produce un risultato; il feedback è quel processo per il quale questo risultato si riflette sul sistema stesso modificandone il comportamento, e in genere si spera che questo produca un cambiamento positivo, che migliori le prestazioni. Il processo descritto si sposa benissimo, ad esempio, su ciò che accade in una sfera...

» Continua a leggere...

Feeling

fìling

SignIntesa, sintonia, complicità che si stabilisce fra due o più persone per affinità di sentimenti e sensibilità

voce inglese, propriamente 'sensazione', dal verbo to feel 'sentire'.

Termine comunissimo nella lingua inglese per indicare molto genericamente i sentimenti e le sensazioni, gli stati o le reazioni emotive, in italiano ha invece acquisito un significato peculiare. L’impiego prevalente che ne facciamo, infatti, esprime una affinità, un’intesa, una sintonia che coinvolge in linea di massima due parti tra le quali il feeling si instaura, e che dà spesso vita ad un connubio perfetto: il pilota vince la gara quando trova il feeling perfetto con la propria...

» Continua a leggere...

Felicitazione

fe-li-ci-ta-zió-ne

SignCongratulazione, rallegramento

derivato di felicitare, uguale nel latino tardo, col significato di 'rendere felice'.

Siamo davanti al caso di una parola semplice da usare che però non è così semplice, e ha dei risvolti discutibili. La diciamo e scriviamo, specie al plurale, quando vogliamo congratularci, quando ci vogliamo rallegrare con qualcuno per qualcosa. «Mi sposo!» «Felicitazioni!», nel biglietto scrivo «Felicitazioni per la laurea, dottore!», «Mi devo far togliere i denti del giudizio» «Felicitazioni». Senza che questo venga normalmente percepito, scaturisce dal verbo 'felicitare' (poco comune);...

» Continua a leggere...

Fellone

fel-ló-ne

SignTraditore, sleale, perfido; briccone; come aggettivo, irato, furioso

dal francese antico félon, di probabile origine germanica.

Siamo davanti a una delle pieghe più piacevoli e simpatiche che una parola può prendere, anzi due pieghe, entrambe ironiche. La prima. Il fellone, propriamente, sarebbe un personaggio davvero esecrabile. È rotto a ogni tradimento, manca proditoriamente alla parola data, è perfidamente ribelle, e per lui nessuna slealtà è troppo scellerata: insomma, il compagno di banco che tutti vorremmo. Però questo concentrato di malignità è oggi inteso in senso bellamente scherzoso: nessuno mai potrebbe...

» Continua a leggere...

Felpato

fel-pà-to

SignDi felpa; foderato di felpa; silenzioso, ovattato

dal francese antico felpe, di etimo incerto.

Siamo abituati a pensare le sinestesie come associazioni di parole che afferiscono a sfere sensoriali diverse. Ma può bastare una parola sola a mescolarle, come in questo caso. Sulla definizione di 'felpa' i dizionari convergono in maniera lievemente differente: possiamo dire che si tratta di un tessuto, morbido e vellutato, ottenuto con l'inserzione di un filo supplementare fra le maglie del tessuto di fondo. Alcuni (ma pare un rilievo un po' datato) precisano che si tratta volentieri di...

» Continua a leggere...

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato