Logo Una parola al giorno

Sfoglia per iniziale: L - pagina 8

Litote

li-tò-te

SignFigura retorica che consiste nell'affermare qualcosa negando il suo contrario

dal greco: litótes semplicità, attenuazione, da litós semplice.

È una figura retorica comunissima, che tutti usano nello scritto e nel parlato - anche se non sempre consapevolmente, e quasi mai intendendo di usare una litote. Se dico che Tizio non è uno stupido, posso aver espresso con una litote che Tizio è intelligente; se dico che Caio non è altissimo, posso aver usato una litote per dire che è basso. L'affermazione o il giudizio veicolato dalla litote è aggraziato: il suo contrario viene negato - secondo l'etimo, attenuato. Il risultato è...

» Continua a leggere...

Liturgia

li-tur-gì-a

SignComplesso delle cerimonie di un culto; per estensione, insieme di norme rituali

dal greco: leitourghia servizio pubblico, composto di leiton pubblico e ergon lavoro.

Nell'antica Grecia ai cittadini più ricchi era imposto di finanziare variegati servizi di pubblica utilità, secondo necessità: festeggiamenti, spedizioni militari, opere pubbliche. Questa era la liturgia, nobile servizio reso alla democrazia. Forse passando attraverso il carattere pubblico dei voti sacerdotali, la liturgia ha acquisito i colori del sacro: nella tradizione cristiana la liturgia è il complesso delle cerimonie di culto nella sua interezza - così come è sinonimo dei singoli...

» Continua a leggere...

Livore

li-vó-re

SignSentimento di invidia, rancore

dal latino: livor livido.

Il sentimento intenso segna il corpo, colora il volto. E quando il volto viene trasfigurato dall'astio, tinto di scuro, simbolicamente violaceo o verdastro, allora è esploso il livore. Si tratta di una rabbia infetta, biliosa, dettata da un'invidia che consuma, da un rancore violento - un sentimento bestiale, dei più spregevoli che si possano provare ed indicare. Il vecchio che al bar scaglia la tazzina di caffè contro il diciottenne che glielo ha fatto perché non era abbastanza corto sarà...

» Continua a leggere...

Livrea

li-vrè-a

SignVeste con stemma e colori del casato che i nobili donavano ai familiari e al proprio seguito; divisa della servitù; insieme dei colori e disegni di pelle, pelo, piumaggio, che vaira in base al ciclo riproduttivo o stagionale

dal francese livrée, che propriamente è il femminile del participio passato di livrer 'consegnare, fornire', dal latino liberare.

Quando si mutua una parola da una lingua straniera, possono accadere cose curiose. Ad esempio, se si introduce in italiano dopo un secolo e mezzo dalla sua attestazione in francese, possono essere cambiate le mode a cui si attagliava, e può quindi arrivare già un po' diversa da quel che era in origine. La livrée francese (attestata alla fine de Ducento) era la veste che il nobile, magari il sovrano stesso, forniva ai familiari, ai dignitari della sua corte, al suo seguito e ai suoi...

» Continua a leggere...

Lizza

lìz-za

SignPalizzata posta intorno a una piazzaforte o a una fortificazione; recinto per tornei

dal francese antico lice, derivato dal germanico listja, riconducibile all'ipotetica voce dell'antico tedesco lista 'striscia' - da cui deriva anche il nostro 'lista'.

Questa parola vive in italiano in una manciata di locuzioni standard, quali essere in lizza, entrare in lizza, scendere in lizza. Il significato di queste locuzioni è ben noto: prendere parte a una competizione, a una disputa. E nonostante la loro ampia diffusione è raro che chi le usi abbia presente il significato originale del termine 'lizza' (della serie: quando il significato figurato finisce per eclissare quello concreto). La lizza era il recinto, lo steccato, la palizzata. Poteva...

» Continua a leggere...

Locupletare

lo-cu-ple-tà-re (io lo-cu-plè-to)

SignArricchire

dal latino: locupletare, derivato di locuples ricco, composto di locus terra e -ples pieno. Pieno di terre.

Una parola bella e rara, che sono in pochi a conoscere e in ancor meno a usare. Locupletare significa arricchire, e denota questo significato a partire dall'immagine più atavica della ricchezza, cioè la terra; locupletato è chi o ciò che è stato munito di averi ingenti, o arricchito in senso figurato. Il rampollo della casata si ritrova locupletato senza aver mosso un dito; il ricercatore vuole locupletare il saggio prima di darlo alle stampe, e lo scrittore decide di locupletare un certo...

» Continua a leggere...

Lodare

lo-dà-re (io lò-do)

SignElogiare, esprimere approvazione; celebrare, esaltare

dal latino laudare, derivato di laus 'lode'.

Che cosa curiosa. Questa parola viene usata senza soluzione di continuità da millenni, con alterazioni minime; e in latino emerge come voce isolata, figlia unica, senza parenti. Con il lodare e la lode impariamo a esser familiari fin dalla più tenera età: sono mezzi cardinali di approvazione sociale. Ora, il lodare è un atto verbale: non si loda a gesti. Consiste nel pronunciare (o scrivere) un elogio verso qualcuno o qualcosa, apprezzandone qualità e azioni. Lodo la tua risposta posata...

» Continua a leggere...

Loffio

lòf-fio

SignCadente; debole, fiacco, insulso

probabilmente, voce onomatopeica.

Parola non alta, ma estremamente importante per la ricchezza dei significati che comunica. Dapprima regionalismo toscano, poi passato agli onori nazionali, 'loffio' nasce col significato concreto di cadente, cascante. Un volto loffio è tutt'altro che tonico, il dolce loffio forse andava cotto di più. Questo carattere passa a significare figuratamente ciò che è debole, fiacco, e perfino insulso o sciocco. Può essere loffia una risposta poco convinta e senza smalto, può essere loffio l'amico...

» Continua a leggere...

Logomachia

lo-go-ma-chì-a

SignDisputa sull'uso o sul significato delle parole; discussione inconcludente

dal greco logomachìa, composto dagli elementi logo- parola e -machia battaglia.

Certe volte è necessario confrontarsi sull'uso o sul significato delle parole: ne va della reciproca comprensione. Ma può capitare che questo confronto diventi una vera disputa, uno scontro all'arma bianca. In questi casi si può parlare di logomachia: davanti alla necessità di una reazione 'adeguata', scatta la logomachia non sul metro con cui misurare l'adeguatezza, ma sul significato di 'adeguato' - e finisce a ceffoni; davanti all'uso di una parola straniera, ci si getta nella logomachia...

» Continua a leggere...

Logorroico

lo-gor-ròi-co

SignChe parla continuamente, all'eccesso; in ambito medico, sintomo di una malattia mentale che porta a discorsi continui e sconclusionati

dal greco: logos parola reo scorrere. Flusso di parole.

La logorrea, al di là dell'ambito medico, è una tendenza a parlare oltre ogni limite umanamente accettabile. Un parlare continuo, torrenziale - quasi sempre egocentrico ed autoriferito, e spesso non semplice, anzi: nota distintiva del logorroico può essere una decisa tendenza all'intellettualismo esasperato. È una parola con fonetica splendida, ma decisamente poco gentile da usare. L'alternativa più delicata potrebbe essere "verboso". Che fa anche ridere di...

» Continua a leggere...

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato