Logo Una parola al giorno

Sfoglia per iniziale: O - pagina 7

Ortodosso

or-to-dòs-so

SignChe è in linea con i principi di una dottrina; che appartiene alla Chiesa cristiana ortodossa

dal greco: ortodoxos, composto di ortos retto e doxa opinione. La retta opinione.

Si tratta di una parola molto alta ed elegante, di quelle nate negli ambiti religiosi: l'ortodossia è l'adesione perfetta ad un paradigma, ad una credenza, l'osservante accettazione di una dottrina che studiosamente non si porta mai fuori dal suo alveo. È in quest'ottica che si legge il nome della Chiesa ortodossa: con lo scisma del 1054 e la separazione dalla Chiesa di Roma, i patriarcati dell'est ritennero di restare quelli che più fedelmente rispecchiavano la dottrina cristiana; perciò...

» Continua a leggere...

Osannare

o-san-nà-re (io o-sàn-no)

SignLevare grida di osanna; lodare pubblicamente, inneggiare, celebrare, esaltare

da osanna, voce dotta dal latino hosanna, che è trascrizione dell'ebraico hōshà'nā 'salvaci'.

Anche questa parola, come molte altre, emerge in ambito religioso - il che non deve stupire: pochi testi come i Vangeli hanno avuto modo di scavare la lingua attraverso i secoli. Questo verbo, di registro elevato ma piuttosto diffuso, scaturisce da un episodio della vita di Cristo: 'osanna' è il grido che lanciò la folla alla sua trionfale entrata a Gerusalemme. In ebraico il suo significato è 'salvaci', ma il moderno 'osanna' e l'osannare hanno perso questo addentellato: rimangono...

» Continua a leggere...

Osceno

o-scè-no

SignIndecente; ripugnante, orrendo

dal latino: obscenus, di etimo incerto, che propiamente significava "di cattivo augurio".

È impressionante la mole di parole che ancora mutuiamo dal lessico della divinazione antica: anche l'osceno, che oggi acquisisce una certa varietà di significati negativi, scaturisce dal cattivo presagio, come l'abominio. Nel giudizio estetico l'osceno è il brutto, ripugnante, privo di gusto, è l'offesa alla bellezza. In questo senso è una parola di grande forza, ma anche piuttosto generica. Il senso più preciso che ha maturato è invece quello di offesa al pudore. L'osceno è estremamente...

» Continua a leggere...

Oscillare

o-scil-là-re (io o-scìl-lo)

SignDondolare; variare

dal latino oscillare dondolare, denominale di oscillum piccola maschera, da os volto.

Meraviglia dell'etimologia. L'oscillum, nell'antica Roma, era un genere di piccola scultura di legno o di pietra, con funzione votiva o apotropaica. Il più delle volte aveva la forma di un disco, e rappresentava una maschera, o una figurina umana, o una divinità. Che cosa aveva di speciale? Veniva appesa con fili e nastri alle fronde di alberi sacri, o davanti ai templi o alle case: così, quando si alzava il vento... oscillava. È straordinario scoprire che un verbo così comune è ispirato...

» Continua a leggere...

Osmosi

os-mò-si

SignPassaggio e scambio di due fluidi attraverso una membrana; per estensione influenza, scambio

dal greco: osmos spinta.

Ovunque ci sia una barriera c'è osmosi - perché nessuna barriera è totalmente invalicabile. Fra città e campagna, fra diverse nazioni e civiltà, fra l'interno e l'esterno della cellula, fra l'interno e l'esterno di noi stessi. Le spinte che filtrano in entrata e in uscita sono l'onda e la risacca incrociate di due contrapposte realtà-mare che si arricchiscono senza minacciare la singola identità ma portando avanti una lenta fusione in reciprocità, tesa fra le crepe del diaframma che le...

» Continua a leggere...

Ospedale

o-spe-dà-le

SignIstituto d'assistenza sanitaria

dal latino hospitale, che indicava il luogo in cui si ospitano i forestieri, sostantivazione dell'aggettivo hospitalis.

Nel Basso Medioevo pellegrini e malati potevano trovare ricovero presso le ‘fraternite’, forme di associazionismo laicale con scopi originariamente devozionali. Oltre all’influenza della spiritualità francescana, diffusasi negli anni Trenta del Duecento, caritas (amore) e timore di Dio furono i principali motivi alla base delle iniziative di solidarismo corporativo da parte di gruppi di laici pii. Sin dalle loro origini le ‘fraternite’ svolsero compiti assistenziali, accogliendo persone...

» Continua a leggere...

Ospite

ò-spi-te

SignChi accoglie in casa propria una persona; persona accolta in casa d'altri

dal latino: hospes forse da hostis straniero, forestiero, pellegrino, le cui altre derivazioni acquisteranno un'accezione negativa, come con ostile.

In tutte le lingue romanze continua ad esistere questa curiosa ambivalenza, per cui "ospite" significa entrambe le facce della medaglia - anche se nella lingua italiana attuale pare si privilegi l'indicazione di chi riceve ospitalità, piuttosto che di chi la offre. Ma da questa confusione si può trarre un suggerimento nettissimo, ossia un invito ad osservare questo fenomeno inclusivo, questa relazione solidale, questo rito antico nella sua unità, specie alla luce della sua pure ambigua...

» Continua a leggere...

Ossessione

os-se-sió-ne

SignTormentoso pensiero ricorrente

dal latino: obsessio assedio.

L'ossessione, secondo la scienza psicologica, è un pensiero invasivo che si presenta nonostante i tentativi della persona di controllarlo; è un pensiero, un'idea, un impulso che il soggetto riconosce come qualcosa di non suo, sgradevole e accompagnato da ansia. Abbiamo magari in mente le immagini di qualcuno ossessionato dai germi. Nella lingua comune forse si perde questa cifra di estraneità, sostituita dal connotato di un giudizio severo: un uomo ossessionato dal tradimento della compagna...

» Continua a leggere...

Ossianico

os-sià-ni-co

SignChe si riferisce a Ossian; che unisce epico ed elegiaco

dal nome di Ossian, leggendario bardo irlandese.

Negli anni '60 del XVIII secolo, il poeta irlandese James Macpherson pubblicò una serie di poemi: si trattava delle traduzioni di alcuni poemi perduti attribuiti al mitico bardo irlandese Ossian, che narravano di @guerra e d'amore, ed erano particolarmente ricchi di suggestioni riferite ad ambientazioni selvagge e fantastiche, e di riflessioni elegiache sulla morte, pronunciate su tombe e sepolcri. Ebbero un successo colossale: dettero grande forza al filone della poesia cimiteriale, ed...

» Continua a leggere...

Ossidionale

os-si-dio-nà-le

SignDi assedio, relativo all'assedio; in biologia, di organismo comparso in seguito a un'invasione militare

voce dotta, recuperata dal latino obsidionalis, derivato di obsidio 'assedio', che è dal verbo obsidére 'assediare, accamparsi davanti', derivato di sedére con prefisso ob- 'davanti'.

Il sostantivo 'assedio' lo conoscono tutti, ma il suo aggettivo pare invece una bestia incomprensibile. Guardiamo bene perché: oltre ad essere facile e ricco riserva anche delle sorprese. 'Assedio' ci arriva per via popolare. Se lasciamo un attimo da parte le immagini perturbanti di mura poderose assaltate da torri e catapulte, nello specchio calmo dell'assedio possiamo veder emergere la sua vera anima: l'accolta di anziani che, col bel tempo, portano fuori le seggiole impagliate o di ...

» Continua a leggere...

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato