Esacerbare

e-sa-cer-bà-re

Inasprire

derivato dal latino acerbus 'aspro', preceduto da un ex- rafforzativo.

È una parola forte, elegante, che esplica un concetto duro in maniera delicata.

Ci comunica il suo significato - inasprire, aggravare, diventar più acuto - richiamando una sensazione precisa, gustativa: quealla dell'aspro spiacevole, pungente. E scaturendo da un rafforzativo di questa sensazione si tinge di una sfumatura d'azione, di regresso evolutivo dal dolce all'aspro. La risposta provocatoria esacerba una situazione già tesa, il fumo ha esacerbato la malattia, la legge esacerba sostanziosamente la pena, e per quanto certe occorrenze esacerbino un rischio, restiamo disposti a correrlo.

Parola pubblicata il 07 Gennaio 2011

Commenti