Logo Una parola al giorno

Sacrilego

  • 28

sa-crì-le-go

SignChe costituisce un sacrilegio, o chi lo compie; gravemente offensivo di un valore riverito; in religione, di sacramento impartito da chi non ne ha l'autorità o ricevuto senza sincerità di fede

dal latino sacrilegus 'ladro di cose sacre, profanatore', composto di sacra 'cose sacre' e lègere 'portar via'.

Questo aggettivo ha dei significati molto ampi, ma prende le mosse da una figura precisa, antica ed evidentemente molto suggestiva: il ladro di cose sacre. C'è stato un tempo, un lungo lungo tempo, in cui i tesori si concentravano presso i templi e le istituzioni religiose (anzi, il thesauròs nasce proprio come annesso del tempio, caveau di arredi sacri). Quindi il furfante che sottrae cose sacre è sempre stato un tipo di furfante piuttosto rilevante, anche perché alla ricchezza del bottino che concupiva si univa la profanità dell'atto: il sacro che viene rubato è profanato. Tanto rilevante che il sacrilegio (atto del sacrilego e che anzi procede etimologicamente dal sacrilegus) furto o non furto diventa antonomasia della profanazione del consacrato, con un respiro, come dicevamo in apertura, molto ampio. In particolare, ampio esattamente quanto è ampia la concezione del sacro che deve essere riverito.

Ovviamente è un atto sacrilego rubare un ostensorio o imbrattare un altare, ed è sacrilego colui che compie queste azioni. Ma ha il profilo del sacrilego anche l'appoggiarsi alla statua per farsi il selfie, o l'incolto scellerato che mette il formaggio sulla ribollita; è sacrilego parlare a voce alta al museo o al cinema, sacrilego chi abbandona il suo sudiciume nel prato. Perché la vigilanza sul sacrilego, sulla possibilità dell'offesa grave, pervade l'intera area del valore riconosciuto - intimo o condiviso.

_________________________


(G. Parini, Il Giorno, Mezzogiorno, vv. 517-540)

Or le sovviene il giorno,

ahi fero giorno! allor che la sua bella

vergine cucci[ol]a, de le Grazie alunna,

giovenilmente vezzeggiando, il piede

villan del servo con l'eburneo dente

segnò di lieve nota: ed egli audace

con sacrilego piè lanciolla; e quella

tre volte rotolò; tre volte scosse

gli scompigliati peli, e da le molli

nari soffiò la polvere rodente.

[…] Alfin […] al sen le corse; e in suo tenor vendetta

chieder sembrolle.


Protagonista di questo brano è uno degli animali più antipatici della letteratura italiana: una cagnetta aristocratica e viziata.

Un giorno la bestiola morde uno dei servi di casa, che se la scrolla di dosso con un calcio. Un episodio banale che però - dal punto di vista della dama padrona della cagnetta – assume proporzioni tragiche. La povera cagnolina intacca solo leggermente, e per gioco, il piede del servo; ma questi, invece di essere grato del privilegio, la colpisce: cosicché per tre volte (la triplice ripetizione è tipica del racconto epico) lei rotola, si scuote, e soffia dalle narici la polvere che le ha irritato il naso… in altre parole, starnutisce.

Il brano, come tutta l’opera, è un capolavoro di antifrasi: figura retorica che consiste nel dire qualcosa affermando il suo contrario. Parini infatti ritrae spietatamente l’aristocrazia, ma è raro che la critichi in modo diretto. Al contrario la indora al di là di ogni misura, adoperando una lingua aulica e solenne: e la critica nasce proprio dal contrasto tra l’enfasi della celebrazione e la meschinità del suo oggetto.

Inoltre, in apparenza, il narratore sposa perfettamente il punto di vista dei signori. Ad esempio descrive il calcio del servo come un sacrilegio ai danni di una creatura sublime, “alunna delle Grazie”. Così facendo, però, svela l’abisso tra l’ottica distorta della dama e la realtà oggettiva; e l’effetto è non solo ridicolo, ma inquietante.

In ultimo la cagnetta stessa assume un aspetto minaccioso: dal grembo della padrona “chiede vendetta” e la ottiene, come un piccolo idolo offeso da placare col sangue. E infatti il servo sarà ferocemente punito: licenziato e ostracizzato, si ridurrà a chiedere l’elemosina per strada con la moglie e i figli. Così la frivolezza del mondo aristocratico lascia emergere un cinismo spietato.

Insomma, per usare un paragone di Ungaretti, Parini getta bombe a mano con la stessa grazia con cui una dama getterebbe una rosa.

Lucia Masetti, dottoranda in studi umanistici all'Università Cattolica di Milano, ogni lunedì apre uno scorcio letterario sulla parola del giorno.

Parola pubblicata il 25 Giugno 2018

Commenti

Per lasciare un commento devi essere registrato al sito! Fai login o Iscriviti adesso!

acquisti consigliati

Ricevi la parola del giornoRicevi la parola del giorno

Registrati al sito per ricevere la parola del giorno via email, lasciare commenti sul sito e ricordarti le tue parole preferite!

Inizia subito!
  • Ricevi la parola del giorno direttamente nella tua casella di posta elettronica
  • Crea il tuo elenco di parole preferite e ritrovale rapidamente quando vuoi
  • Commenta le parole pubblicate
  • Proponi nuove parole
  • Migliora le parole pubblicate
  • Suggerisci esempi d'utilizzo
  • Partecipa alle discussioni con gli altri iscritti al sito

E' il momento giusto per iscriverti, bastano 60 secondi!

Privacy Policy

» Sono già registrato