Malmostoso

mal-mo-stó-so

Intrattabile, indisponente, di cattivo umore

dal milanese: malmostós, composto di mal male, malamente e mostos sugoso. Che dà poco sugo.

Un'immagine geniale: l'indisponente per antonomasia è quello che sta stretto con il sugo. Figura quindi spiacevolissima, ma evidentemente ironica: il malmostoso non è una persona insipida in sé, è una persona che rende insipido qualcosa e lo rovina col proprio carattere e i propri atteggiamenti - così come un buon piatto è rovinato dalla penuria di sugo.

Il bambino malmostoso, facendo i capricci in cerca di attenzione - e concentrandosi su questi piuttosto che sul gioco -, finirà con lo sciupare un pomeriggio al parco con gli amichetti; l'intervistato malmostoso che navighi in cattive acque eviterà le domande più interessanti ed intelligenti dei giornalisti e baderà di mostrarsi indecifrabile; il malmostoso proprietario d'albergo si arrapinerà perché i vigili non gli lasciano arrivare i pullman di turisti nella zona pedonale e brontolerà il cuoco per aver usato il pesto vecchio per la pasta dei dipendenti invece che riservirlo ai clienti.

Parola pubblicata il 17 Luglio 2011

Commenti